La Cooperativa sociale La vecchia quercia è fra gli enti qualificati presso l’ATS Monza Brianza per l’erogazione del servizio di assistenza educativa scolastica a studenti con disabilità sensoriali per l’anno 2018/2019, per i Comuni dei distretti di Lecco, Merate e Bellano.

La Cooperativa sociale La vecchia quercia è fra gli enti qualificati presso l’ATS Monza Brianza per l’erogazione del servizio di assistenza educativa scolastica a studenti con disabilità sensoriali per l’anno 2018/2019, per i Comuni dei distretti di Lecco, Merate e Bellano.

Di seguito, tutte le informazioni relative le modalità di attivazione del servizio.

>>>>  Per informazioni è possibile contattare la  Dott.ssa Laura  Gerosa al numero di telefono 345.3811208
nei giorni e negli orari di seguito indicati:
Lunedì e mercoledì  dalle 9.00 alle 15.00
Martedì e venerdì dalle 9.00 alle 13.00
oppure via mail all’indirizzo l.gerosa@cooplvq.org

 

 Modalità di attivazione del servizio

>DOCUMENTAZIONE RICHIESTA
>Il Servizio è attivato a seguito di domanda, reperibile presso gli Uffici del Comune di residenza,  presentata da uno dei genitori o da chi  rappresenta lo studente minore o dallo studente stesso se maggiorenne, unitamente alla liberatoria per la privacy e per il trattamento dei dati, secondo lo schema approvato da Regione Lombardia – Direzione Generale Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale.
>Alla domanda, nel caso in cui si tratta di prima attivazione dei servizi, di passaggio a nuovo ciclo scolastico nonché nel caso in cui la documentazione già presentata sia scaduta o variata, deve essere allegata la documentazione sanitaria (certificazione di disabilità sensoriale, diagnosi funzionale nella quale sia esplicitata la necessità di assistenza per la comunicazione e verbale del collegio di accertamento per l’individuazione dello studente disabile ai sensi del DPCM 185/2006, della DGR 3449/2006, integrata dalla DGR 2185/2011).
In tutti gli altri casi il Comune ha la facoltà di recuperare la documentazione già inserita nel sistema informativo (SIAGE).

>CONSEGNA e TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE
La domanda può essere presentata ai Servizi Sociali del Comune di residenza a partire dal 2 maggio 2018 ed entro la fine dell’anno scolastico 2017- 2018.
In alternativa la domanda può essere presentata all’Istituto scolastico frequentato; in quest’ultimo caso è onere dell’Istituto scolastico trasmettere al Comune la domanda completa della documentazione necessaria.
Il Comune, tramite il sistema informativo SIAGE, trasmette le domande alla ATS competente che provvede all’istruttoria.

>SCELTA DELL’ENTE EROGATORE
L’ATS, invia ad ogni famiglia l’elenco degli enti erogatori idonei.
La famiglia deve scegliere tempestivamente l’ente erogatore e definire con lo stesso il Piano Individuale.

>ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO e DEFINIZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO
L’ ente erogatore, dopo la presa in carico dello studente, deve inviare il Piano Individuale entro 15 giorni lavorativi e comunque entro il 16 luglio alla ATS che, entro i successivi 15 giorni e comunque non oltre il 31 luglio, deve provvedere alla sua validazione per il riconoscimento della spesa.
Il rispetto di tali termini garantisce l’attivazione del servizio contestualmente all’avvio dell’anno scolastico 2018-2019.
Il Piano Individuale viene definito dall’ente erogatore, con il coinvolgimento delle famiglie, del gruppo delle classi in cui sono inseriti gli studenti con disabilità, in coerenza con il Piano Educativo Individuale (art 12 comma 5 della L 104/92) inteso quale atto di programmazione comprendente le indicazioni principali sulle azioni e misure in ambito scolastico nell’area della socializzazione.
Nel caso di presenze plurime di operatori all’interno della stessa classe, è facoltà delle ATS provvederne all’armonizzazione.

Il Comune provvede, altresì, alla predisposizione del progetto individuale di cui all’art.14 della L.328/2000 indicando i diversi interventi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali di cui possa aver bisogno la persona con disabilità, nonché le modalità di una loro interazione.
L’ente erogatore, fornisce tutti gli interventi previsti nel Piano Individuale garantendo le figure dell’assistente alla comunicazione, del tiflologo e, laddove previsto, il materiale didattico.
L’ente erogatore fornisce i servizi di inclusione scolastica al disabile sensoriale e nel caso di pluridisabilità dello studente deve prendere in carico lo studente in maniera globale e essere punto di riferimento per la scuola, la famiglia e le diverse realtà, cui lo studente, anche attraverso la famiglia, si rivolge.
L’ente erogatore deve garantire in tempo utile tutte le figure professionali previste dalla legge 104/1992.
Gli enti erogatori sono sempre responsabili dell’esecuzione degli interventi e servizi assunti nei confronti delle ATS, degli istituti scolastici e formativi e di terzi. Essi sono responsabili altresì dell’operato dei loro dipendenti o degli eventuali danni che dal personale potessero derivare ai citati enti.

 

IL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DISABILI SENSORIALI DI COOP LVQ
Il servizio nasce nel 1985 grazie ad alcune associazioni di famiglie mosse dal bisogno di avere assistenza scolastica e domiciliare a favore dei disabili sensoriali, nonché servizi rivolti alle autonomie personali e al tempo libero.
Dal 2014 la Cooperativa sociale “La vecchia quercia” ha accolto l’esperienza maturata, assumendo la gestione del servizio sul territorio della provincia di Lecco.
Il modello organizzativo   vede la presenza di un’equipe pluridisciplinare composta da un’assistente sociale, pedagogiste, tiflologa, coordinatore ed educatori qualificati che lavorano con competenza ed esperienza per la progettazione e realizzazione di interventi personalizzati. Ciò è possibile anche grazie al costante raccordo con le realtà operanti sul territorio (istituzioni, servizi specialistici, centri di riabilitazione,…) che garantiscono la costruzione di percorsi adeguati alle esigenze degli individui, favorendo  lo sviluppo del legame con le comunità di appartenenza e stimolando enti, servizi, gruppi e singoli cittadini a condividere la presa in carico di soggetti in condizioni di disabilità sensoriale.

 

IL NOSTRO INTERVENTO…IN POCHE PAROLE
>INCLUSIONE: strategie che favoriscono la conoscenza e il lavoro tra pari oltre cha la sensibilizzazione al diverso e alla specificità della disabilità sensoriale.
>MEDIAZIONE: maggiore accessibilità dei contenuti didattici proponendo strumenti e metodologie alternative
>CREATIVITA’: realizzazione di materiali e strumenti concreti, tattili e accessibili all’alunno in base alle sue capacità e bisogni (es: abaco tattile, cartine e figure tattili, utilizzo di contrasti, vocabolari di immagini, mappe, schemi, domino sensoriale, memory tattili e/o con immagini, testi semplificati e tutto ciò che serve a stimolare i sensi residui ecc)
>AUTONOMIA: promozione il raggiungimento delle autonomie personali, sociali e relazionali fondamentali per la realizzazione del progetto di vita.
>BENESSERE: sviluppo armonico del sé, riconoscimento delle proprie emozioni e  consapevolezza delle proprie potenzialità.
>AUSILI: utilizzo di strumenti informatici che supportano l’apprendimento

La Cooperativa La Vecchia Quercia propone anche:
>percorsi di supporto alle famiglie
>percorsi formativi e di sensibilizzazione alle scuole
>attività per il tempo libero
>laboratori con le scuole in orario extrascolastico

 

Lascia un commento:

(campi opzionali)

Ancora nessun commento